In primo piano

 

 

Scarica qui il Programma della Quaresima 2020 in formato pdf.

 

 

 

 

 

 

 

 

Benedizioni Pasquali 2020

dal 15 gennaio

Scarica "QUI" il Foglio delle Modalità e l'Itinerario

delle Benedizioni per il 2020

 

 

 

 

 

 

 

CAMPO MEDIE 2020

 

 

PER  LE RAGAZZE E I RAGAZZI CHE PARTECIPANO AL GRUPPO MEDIE O A ESTATE RAGAZZI IN PARROCCHIA

 

da sabato 27 giugno a sabato 4 luglio 2020

 

presso la Colonia Montana di Vezzena

del Comune di Levico (TN)

 

Per maggiori informazioni scarica "QUI" il pdf

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto ricordo "Inverno Ragazzi 2020"

 

         

 

 

 

E' stato distribuito nelle vostre abitazioni il

"Bollettino Parrocchiale n. 12 – dicembre 2019"

Potete anche visionarlo e scaricarlo dalla pagina:

"Avvisi settimanali e Bollettini periodici".

 

 

 

 

Per gli aggiornamenti sull'Evento

segui la Pagina Facebook de:

"Pàlio ed San Rafèl"

 

 

 

 

La Parrocchia Madonna del Lavoro dal 2015 al 2018

ha eseguito tre stralci di lavori che hanno portato

alla sostituzione del manto di copertura del tetto dell'intera chiesa.

Il tetto della chiesa dall'epoca della sua costruzione (1960-1961) non era ancora stato oggetto d'interventi di manutenzione e richiedeva urgenti lavori di ripristino per la presenza di numerose infiltrazioni meteoriche dovute al forte deterioramento del manto di copertura e al cedimento dei sottostanti listelli di legno sui quali erano montate le tegole di cotto.

Scarica in formato PDF la "RELAZIONE TECNICA – RIEPILOGO SPESE"

               

  

 

 

 

 

Nel gennaio 2017, da poco conclusosi l’Anno Santo Straordinario della Misericordia nel quale Papa Francesco ci invita a realizzare un “segno” che diventasse frutto concreto di tutto quello che avevamo ascoltato, meditato e vissuto nel corso dell’Anno Santo, la nostra Parrocchia di Madonna del Lavoro (allora) e San Gaetano (poi), aderì al Progetto della Caritas Nazionale “Rifugiato a casa mia”.
Il Progetto Parrocchiale si voleva avvalere dell’apporto di TUTTI e si affiancò a quanto la Caritas Parrocchiale già faceva e fa, in aiuto delle famiglie e dei parrocchiani (attraverso gli aiuti alimentari, di abbigliamento, pagamento bollette, rate mutui, affitti…)
Concretamente ci impegnammo ad ACCOGLIERE, SOSTENERE, ACCOMPAGNARE per un periodo limitato di tempo alcuni ragazzi africani che una volta riconosciuti “rifugiati” dallo Stato Italiano avevano a disposizione qualche mese per imparare come vivere in Italia, trovare un lavoro, per crearsi una propria autonomia, per poter eventualmente rimanere legalmente in Italia.
Con lunga e difficile ricerca siamo riusciti ad avere un appartamento in affitto da adibire a tale scopo; appartamento che con l’aiuto di alcuni volontari, fra cui gli scout, abbiano ripulito ed arredato, almeno parzialmente, con mobili offerti dalla comunità.
Grazie a due famiglie Tutor abbiamo accolto, sostenuto e accompagnato in questi primi due anni quattro ragazzi.
Tutti e quattro sono usciti dal progetto con un lavoro ed una esperienza di accoglienza che li ha fatti sentire più integrati nella nostra società.
Per uno di loro purtroppo il permesso di soggiorno per motivi umanitari non è stato rinnovato con conseguente perdita del lavoro e della possibilità di proseguire con il suo cammino di integrazione.
Un anno fa l’appartamento è stato dato, a tre ragazzi rifugiati che avevano terminato il loro percorso nelle famiglie Tutor ma che, pur avendo un lavoro, erano ancora nella difficile ricerca di un appartamento in affitto e che hanno partecipato parzialmente alle spese versando la quota per coprire l’affitto.
Purtroppo il suddetto appartamento è stato nel frattempo venduto e, una volta trovata una sistemazione abitativa ai tre ragazzi, il 30 gennaio scorso abbiamo dovuto liberarlo definitivamente.
Si conclude così dopo tre anni la partecipazione della nostra comunità al progetto “Rifugiato a casa mia”.
Desideravamo rendervi partecipi, come in varie occasioni già abbiamo fatto nel corso delle accoglienze, e cogliere l’occasione per ringraziare tutti coloro che lo hanno reso possibile prestando il loro aiuto sia in opere, sia in assistenza e tutoraggio, sia economicamente, sia di sostegno anche tramite la preghiera. Grazie!!!